Care socie e cari soci SIPeM,

il consueto discorso augurale per le Festività avrà quest’anno l’obiettivo di illustravi le attività che SIPeM ha effettuato in questo triennio, e comunicarvi il raggiungimento degli obiettivi che la Società di era posta all’inizio del mio mandato, tre anni fa, mandato che ora volge al termine.

Devo annunciarvi che ho deciso di non ricandidarmi, ma ciò non viene ad interrompere la continuità del lavoro della nostra Società. Infatti, secondo il regolamento attuale è stato già identificato il nuovo presidente- ancora Presidente eletto fino al 31 dicembre-nella figura di Paolo Leombruni. Io continuerò ad essere attivo come Past president per garantire la continuità dei progetti in essere.

In questi tre anni abbiamo assistito ad un grande cambiamento della nostra Società, che ora propone più occasioni di apprendimento per i soci, agili e brevi, utilizzando sistemi di formazione in remoto, sotto il format degli “Aperitivi pedagogici”: questa scelta, che era stata una scelta obbligata, ora sarà deliberata, vista l’efficacia e la flessibilità del format! Ma, oltre a questo, i contenuti dell’offerta formativa e informativa in Medical education appartengono ad aree variegate della didattica, e toccano temi attuali, dimostrandosi fruibili nell’immediato. Infine la Società si sta sempre maggiormente coagulando attorno alla rivista “Tutor”, che si propone come mezzo di comunicazione delle esperienze virtuose dei soci in didattica ma anche come canale tradizionale di diffusione di riflessione e articoli scientifici.

Appena COVID19 ce lo permetterà, SIPeM progetterà anche eventi in presenza: il congresso, brevi giornate di studio, e tutto ciò che riteniamo proficuo per costruire legami professionali tra noi soci- ricordiamo che siamo una società interprofessionale- aspetto importante e attuale in Sanità, in quanto il lavoro in equipe multi professionali è diventato una risorsa insostituibile.

Ricordo che questo triennio è stato segnato dalla scomparsa del Prof. Luciano Vettore, uno dei padri della pedagogia medica italiana, al quale SIPeM deve tutto, anche la sua stessa esistenza.

Vediamo le attività di questi tre anni.

Premetto che tutte le attività sono state portate a termine con successo anche grazie alle numerose collaborazioni con Università e Associazioni (vedi tabella PARTECIPAZIONI E COLLABORAZIONI PRINCIPALI).

Gli obiettivi del piano strategico triennale sono stati tutti raggiunti, totalmente o parzialmente, eccetto l’attività di “Linea Verde” di formazione dei giovani professionisti, che ha avuto una battuta di arresto causa pandemia (vedi tabella sul PIANO STRATEGICO e sugli APERITIVI PEDAGOGICI).

Nonostante la Pandemia abbiamo proposto un Congresso della Sezione Piemonte in maggio di quest’anno e un Congresso Nazionale in novembre organizzato dalla sezione Piemonte.

Sull’insegnamento delle medical humanities abbiamo attuato un master universitario, del quale siamo alla seconda edizione e un corso universitario all’Università dell’Aquila, del quale stiamo preparando la seconda edizione.

Abbiamo attuato un’esperienza di formazione a distanza e di ricerca per OMCeO, ideata da un gruppo di giovani professionisti dei quali SIPeM ha avuto la responsabilità formativa e di supervisione.

Non sono mancati i corsi rivolti a tutor clinici: un corso on line rivolto ai tutor clinici afferenti all’Università di Siena su Utilizzo strumenti informativi al point of care e due corsi ai tutor clinici dell’università di Ferrara e un corso ai tutor clinici dell’università dell’Aquila.

Ricordo poi una serie di corsi per docenti delle Scuole di Osteopatia italiane e due corsi sulla didattica partecipativa e sull’insegnamento delle Humanities nei corsi di infermieristica.

SIPeM ha organizzato corsi con SOBRAFNA sull’empatia nella relazione di cura e sulla formazione ad essa.

Inoltre, sulle medical humanities nel 2019 ricordo gli incontri di Porcia, di Procida e di Torino

La SIPeM è consulente del progetto di ricerca e formazione Promuovere la prevenzione oncologica nelle comunità (contrasto al tabagismo e miglioramento dell’adesione agli screening)

La SIPeM è consulente nel progetto FOOTPRINTS e nella Conferenza di Consenso sulle Malattie Infiammatorie intestinali promossa dall’Università Cattolica di Milano, co-redattrice con SISM del Manifesto sul Conflitto di Interessi, e ha collaborato inoltre con l’università di Genova e successivamente con il gruppo Giotto per la redazione di curricula basati sulle competenze per i corsi di specializzazione in medicina.

 

Dopo questo ricco elenco di attività possiamo goderci queste feste e rimandare al nuovo anno 2022 la progettazione delle attività future.

Un grande augurio di serene festività e per un 2022 proficuo e ricco di piacevoli sorprese.

 

Giuseppe Parisi

Presidente SIPeM

Trento, 20 dicembre 2021